Provvedimento

Plastica e rifiuti speciali a pioggia. Sequestrati 40 mila mq di area industriale

Azienda di smaltimento plastica (foto di repertorio)
Azienda di smaltimento plastica (foto di repertorio)
7 apr 2016 - 10:11

VITTORIA - I finanzieri della Compagnia di Ragusa hanno posto sotto sequestro un’impresa di “recupero plastica” in Contrada Mazara di Vittoria per reati ambientali.

Il provvedimento di sequestro ha riguardato anche un’area industriale di circa 40.000 mq adibita a stoccaggio incontrollato di fanghi, rifiuti speciali e all’illecito smaltimento della plastica dismessa proveniente dagli impianti serricoli.

Con lo stesso decreto si è proceduto all’ulteriore sequestro di una cava abbandonata di circa 20.000 mq a Marina di Acate, Contrada Macconi, illecitamente utilizzata per lo smaltimento dei rifiuti speciali provenienti dal ciclo di lavorazione della plastica.

Il rappresentante legale della società, in concorso con altri soggetti, è stato denunciato per reati in materia ambientale legati all’illecito smaltimento di rifiuti speciali.

L’operazione in questione ha consentito di sottoporre a sequestro anche 3 semirimorchi contenenti rifiuti speciali ancora da smaltire e la documentazione completa attestante lo smaltimento illecito dei fanghi provenienti dal ciclo di lavorazione della plastica dismessa presso la cava abbandonata di Marina di Acate.

Il materiale così illecitamente smaltito, utilizzato per ricolmare la cava abbandonata, arrecava grave nocumento alle falde acquifere della zona, di conseguenza all’ambiente e alla salute pubblica.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA