Solidarietà

Placca l’omofobia, partite di rugby sui generis per difendere libertà di genere

placca omofobia 2015
25 set 2015 - 18:06

RAGUSA –  Sconfiggere l’omofobia e cancellare gli stereotipi legati alla questione di genere sono gli ambiziosi obiettivi di “Placca l’omofobia – partite di rugby sui generis per difendere la libertà di genere” promossa per domani pomeriggio al nuovo campo di rugby di Ragusa, in via Forlanini, dalla società sportiva Rugby Audax Clan e dall’Agedo. Una bellissima iniziativa sia per avvicinare i giovani al rugby sia per insegnare la tolleranza e il rispetto dell’altro.

In campo ci saranno quattro squadre siciliane di rugby a sfidarsi in varie partite amichevoli con l’obiettivo di lanciare un messaggio chiaro nella sua semplicità: no all’omofobia. A scendere in campo, a partire dalle 17,30, saranno le squadre del Cus Catania, della Fiamma Cibali Catania, del Modica Rugby e del Rugby Audax Clan di Ragusa. L’iniziativa, che gode del patrocinio della Federazione Italiana Rugby, ha trovato la piena accoglienza di vari siti web di informazione Lgbt e dell’Anddos, l’associazione nazionale contro le discriminazioni da orientamento sessuale. “La società sportiva Rugby Audax – sottolinea il presidente nazionale Mario Marco Canale di Anddos – dimostra grande sensibilità nei confronti della comunità lgbt. L’organizzazione di questo evento di sport e solidarietà è un messaggio importante ed incisivo per sensibilizzare tutte le forze istituzionali e politiche nel concentrare gli sforzi e nell’attuare leggi definitive contro l’omofobia e contro tutte le forme di discriminazione nel mondo”.

rugby contro omobofia 3

 Una grande festa di sport e solidarietà che coinvolgerà appassionati di rugby e non solo. Già dopo l’apertura, e fino alle 22, saranno disponibili stand gastronomici, proiezioni video e banchetti informativi. La manifestazione vede il sostegno di Amnesty International di Ragusa e di Nemoprofeta e il contributo del Centro Servizi Culturali di Ragusa.

Commenti

commenti

Viviana Mannoia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento