Il parere

Pista ciclabile a Catania, Inturri: “Opera semplice materialmente ma difficile culturalmente”

Giuseppe Inturri
16 mar 2016 - 11:41

CATANIA – La costruzione di una pista ciclabile nella zona del Lungomare a Catania dovrebbe essere una priorità per i cittadini catanesi e soprattutto per gli amanti della bicicletta. Fortunatamente il comune, nella realizzazione di quest’opera, sta avendo il costante sostegno di molte associazioni di ciclisti fermamente convinti sulla sua utilità”.

Ad affermarlo è Giuseppe Inturri, docente nel Dipartimento di Ingegneria civile di Catania, commentando l’esecuzione del progetto per la costruzione di una pista ciclabile lungo il viale Artale Alagona, comunemente chiamato dai catanesi Lungomare.

“Il tassello fondamentale – continua Inturri – per la buona riuscita di quest’opera è una particolare attenzione alla salvaguardia di coloro che ne usufruiranno. Questo sarà possibile delimitando la pista con un cordolo invalicabile per gli altri mezzi che renderà la sede indipendente e soprattutto sicura”

“La realizzazione di una pista ciclabile – sottolinea - è un’opera semplice materialmente ma difficile culturalmente. In altre città si è già abituati a condividere lunghi tratti di strada con dei ciclisti, qui no. Bisogna migliorare il nostro modo di stare in strada indipendentemente dal mezzo che utilizziamo”.

“Spero vivamente che quest’opera, che dovrebbe essere ultimata intorno al mese di maggio, possa produrre i frutti sperati e che si possa arrivare a connettere questa pista ciclabile con altri itinerari presenti nella nostra città per far si che la bicicletta – conclude Inturri – possa essere considerata a tutti gli effetti un mezzo come gli altri”.

Carlo Marino



© RIPRODUZIONE RISERVATA