Codacons

Pignoramento della casa, passa la riforma. Tanasi: “Siciliani rovinati”

Pignoramento
20 apr 2016 - 19:56

CATANIA – “Una vergogna e l’ennesimo regalo di Renzi alle banche!”: è un incontenibile Francesco Tanasi, segretario nazionale del Codacons, quello che commenta l’ultima riforma renziana sul pignoramento della casa.

Attraverso il nuovo decreto, infatti, le banche potranno vendere le case senza passare dal tribunale: “Fino ad oggi – spiega Tanasi – la normativa tutelava la parte debole prevedendo il ricorso al tribunale in caso di morosità sul mutuo, valutando da caso a caso le situazioni. Da oggi, invece, non sarà più così”.

Il nuovo decreto, infatti, prevede che le banche passano agire indisturbate superati i 18 mesi di mancato pagamento delle rate. Ad essere penalizzate, neanche a dirlo, saranno le famiglie con difficoltà economiche. La maggior parte delle quali concentrate per tenore di vita al Sud e in Sicilia.

Una riforma che rischia seriamente di mettere in ginocchio migliaia di persone e di avere conseguenze disastrose per la società: “Lo spettro dell’emergenza abitativa – prosegue indignato il segretario del Codacons – potrebbe diventare una triste realtà. Per questo ci presenteremo con le carte in mano davanti alla Corte Costituzionale”.

Andrea Lo Giudice



© RIPRODUZIONE RISERVATA