Processo

Picchiò e violentò compagna incinta e l’abbandonò in autostrada: condannato 28enne

Autostrada_siracusa_catania
14 feb 2017 - 11:41

MESSINA - La costrinse, nonostante fosse incinta di 6 mesi, ad avere un rapporto orale in auto, mentre erano in autostrada, dopo averle preso violentemente a pugni il viso e averla ferita con un punteruolo in varie parti del corpo, per poi abbandonarla sul ciglio della strada, senza borsa né cellulare.

L’uomo, se così si può chiamare, A.D.M., 28enne messinese, è stato condannato a 10 anni e 8 mesi di reclusione per violenza sessuale, tentato omicidio e rapina nei confronti dell’ex convivente di 23 anni. Rigettata la richiesta dell’avvocato difensore che chiedeva una perizia che verificasse lo stato psichico del suo assistito.

Una condanna esemplare, data la gravità dei fatti, che supera la richiesta di 9 anni di carcere avanzata dal pm Roberta La Speme. Ad infliggerla, con rito abbreviato, il gup Daniela Urbani.

L’episodio risale al 13 agosto 2016. A soccorrere la giovane fu un camionista di passaggio che la vide sanguinante sul bordo dell’autostrada.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA