Violenza

Picchia ed abusa della moglie “schiava”: arrestato nordafricano

maltrattamento violenza abuso
24 ott 2016 - 13:13

MESSINA – Ha picchiato ed abusato sessualmente della moglie: per questa ragione è stato arrestato un nordafricano 32enne che vive in Italia da pochi anni.

L’arresto è avvenuto in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Barcellona pozzo di gotto, Fabio Gugliotta, su richiesta del sostituto procuratore Sarah Caiazzo, che ha diretto e coordinato le indagini dei carabinieri.

Le indagini dei militari, hanno consentito di ricostruire il difficile contesto di violenze domestiche in cui viveva la giovane coppia. A scoperchiare il vaso di pandora, l’intervento di qualche giorno fa dei carabinieri proprio nella casa dove i due coniugi vivevano, in un Comune del comprensorio barcellonese.

I vicini hanno sentito le urla e per questo hanno richiesto l’intervento da parte delle forze dell’ordine.

Quando i militari sono intervenuti, hanno trovato una donna molto diffidente e in uno stato di totale abnegazione nei confronti del marito.

Con grande difficoltà e coraggiosamente, nei giorni successivi, la donna ha vinto anche il sentimento di vergogna e ha descritto ai carabinieri, con grande precisione, tutte le violenze subite nei due anni trascorsi con l’uomo, caratterizzati da sistematiche aggressioni con schiaffi, pugni, minacce e ma anche abusi sessuali e umiliazioni, subite dalla donna anche quando era in stato di gravidanza.

Immediate sono state le verifiche dei militari dell’Arma che hanno permesso di riscontrare la dichiarazioni della donna con altre evidenze investigative e documentazione, confermando lo stato di quasi segregazione subito dalla donna.

La gravità del comportamento dell’uomo hanno consentito alla Procura di richiederne l’arresto. Per il giovane nordafricano si sono quindi aperte le porte del carcere di Messina, la donna, insieme al figlio di pochi mesi, è adesso seguita da alcuni familiari e supportata dai Carabinieri che l’hanno assistita.

Vittoria Marletta



© RIPRODUZIONE RISERVATA