Sanità

Paziente semina il panico al Cannizzaro: “Mancano sicurezza e personale”

ospedale-cannizzaro-catania
1 ago 2016 - 19:39

CATANIA - Il reparto di ortopedia e traumatologia dell’ospedale Cannizzaro vive in uno stato di assoluta precarietà dettato dalla “mancanza di sicurezza sul posto di lavoro e dalle condizioni di pericolo nelle quali il personale sanitario è costretto ad operare“.

A denunciare il fatto sono il segretario generale della Fp Cgil di Catania, Gaetano Agliozzo, e la segretaria provinciale Domenica Di Guardo, che ormai da anni chiedono “il ripristino del servizio di vigilanza fisso all’ingresso dell’edificio“, ma senza successo.

A riaccendere la gravosa questione è un fatto accaduto qualche giorno fa, quando un degente con gravi problemi psichici ha aggredito due infermieri in servizio seminando per più di due ore il panico nel reparto di ortopedia e traumatologia.

I medici hanno provato a chiedere aiuto alla vigilanza interna, ma senza alcun risultato e, data la situazione, si sono rivolti alle forze dell’ordine.

Questo episodio non solo mette in luce la pericolosità dell’ambiente lavorativo, ma fa luce anche su un’altra problematica non meno grave della precedente: la carenza di personale infermieristico.

Come raccontano Agliozzo e Di Guardo “i due infermieri aggrediti, e dimessi con prognosi di 5 e 10 giorni, non sono neanche stati sostituiti nei turni di servizio, procurando un ulteriore danno al personale che ha dovuto lavorare più intensamente sotto organico“.

E aggiungono: “Ortopedia ha una cronica carenza di personale infermieristico che in questo periodo estivo si rivela in tutta la sua gravità: carichi di lavoro massacranti, turni di lavoro pesanti senza i giusti riposi, doppie notti, demansionamento per assenza di personale”.

Data l’instabilità della situazione, Agliozzo e Di Guardo hanno chiesto di avere “un incontro urgente e un serio e definitivo intervento da parte dei vertici aziendali per tutelare i degenti, il personale in servizio e far fronte alla carente dotazione organica“.

Daniela Torrisi



© RIPRODUZIONE RISERVATA