Criminalità

A fare da “palo” una ragazza giovanissima: in tre tentano assalto al supermercato. IL VIDEO

arresto polizia Ragusa
2 apr 2016 - 09:28

RAGUSA - Gli agenti della polizia di Stato hanno arrestato quattro rapinatori a Vittoria, in provincia di Ragusa per un tentato assalto ad un supermercato. Faceva da autista e palo una giovanissima ragazza.

In manette sono finiti Bruno Nicolas Noto, 19 anni, Salvatore Giordanella, 18 anni, Francesco Doilo, 27 anni, e Jessica Martorana, 20 anni, tutti residenti a Vittoria.

DOILO Francesco, logo GIORDANELLA Salvatore, logo MARTORANA Jessica, logo NOTO Bruno Nicolas, logo

Indossavano passamontagna e uno di loro era armato di pistola, con il colpo in canna, e solo il provvidenziale intervento della polizia di Stato ha scongiurato un conflitto a fuoco all’interno di un supermercato affollato.

A lanciare l’allarme è stato un cittadino, che ha segnalato alla polizia la presenza di persone sospette nei pressi di un’attività commerciale. Sul posto si sono recati due poliziotti in borghese, mentre altri erano pronti ad intervenire a poca distanza.

Da un’auto sono scese tre persone che si sono dirette verso il supermercato mentre un’altra faceva da palo. Strada facendo, indossavano dei passamontagna. Mentre stavano per entrare, gli agenti in borghese hanno notato che uno di loro impugnava una pistola, pertanto bisognava subito intervenire per scongiurare la rapina ed un eventuale conflitto a fuoco.

I rapinatori non appena si sono accorti dei poliziotti si sono dati alla fuga, tornando indietro e risalendo a bordo dell’auto sulla quale c’era la ragazza. Nel tentativo disperato di fuggire hanno anche speronato un’auto della polizia ma sono stati bloccati e arrestati.

Sono stati momenti di tensione, perché uno di loro continuava a tenere l’arma in pugno anche se non diretta verso gli agenti. Convinto dalla Polizia a gettare la pistola a terra e ad uscire dall’auto, anche l’ultimo rapinatore si è arreso.

I tre uomini sono stati condotti in carcere a Ragusa mentre la ragazza nella sezione femminile del penitenziario di Catania. I rapinatori sottoposti a perquisizione nell’immediatezza dei fatti sono stati trovati in possesso di una pistola semiautomatica calibro 7,65 alterata per l’uso di cartucce di tipo “blindato” in uso alle Forze Armate dello Stato, idonee a perforare anche autovetture. A casa di uno degli arrestati e’ stata trovata un’altra pistola, a salve. L’auto e’ stata sequestrata considerato che l’autista non aveva conseguito neanche la patente.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA