Carabinieri

Palermo: quartiere Zen setacciato a tappeto

carabinieri-1
20 ott 2016 - 16:54

PALERMO – Negli ultimi giorni sono stati effettuati dei controlli da parte dei carabinieri al quartiere Zen di Palermo che hanno portato a cinque arresti, due deferimenti ed una denuncia.

I primi sono stati Michele Guccione, 28 anni, già da tempo ai domiciliari per svariati furti e portato al carcere “Pagliarelli” perché in possesso di sostanza stupefacente, Filippo Fioretto, 26 anni, condannato a 2 anni e 8 mesi per rapina e resistenza a pubblico ufficiale, e Cristian Pizzuto, 33 anni, a cui sono stati comminati 3 anni e 10 mesi per riciclaggio ed evasione.

Nella giornata di ieri è stato arrestato Salvatore Conte, 25 anni, gestore di una paninoteca abusiva, in quanto responsabile di furto di energia elettrica nel suo esercizio commerciale. Per l’ente gestore di fornitura elettrica, l’ammanco causato dall’attività commerciale chiusa dai carabinieri sarebbe di diverse migliaia di euro. In seguito è stata arrestata Pierina Madonia, 53 anni, perché trovata in possesso di 8 grammi di eroina.

 

carabinieri-2

Oltre agli arresti, i controlli hanno portato anche alla denuncia di un uomo di 67 anni, R. S. le iniziali, per aver occupato abusivamente un locale di proprietà dell’Istituto Autonomo Case Popolari, e avervi creato un punto vendita in cui venivano venduti salumi, detersivi e articoli casalinghi di vario genere. Oltre a ciò è stato contestato anche a lui il reato di furto di energia elettrica, stesso reato per cui sono stati deferiti B. G. e S. C., palermitani rispettivamente di 49 e 62 anni.

Infine sono state elevate 76 infrazioni del codice della strada per mancato utilizzo del casco, mancata copertura assicurativa, guida senza patente, e 7 sette soggetti sono stati trovati in possesso di sostanze stupefacenti per uso personale e segnalati alla Prefettura quali assuntori. 

 

 

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA