Inseguimento

Da Scillato a Riesi, film d’azione sulle strade siciliane: due arresti

carabinieri (4)
14 feb 2016 - 18:25

PALERMO - Si è concluso con l’arresto di due giovani, l’inseguimento iniziato a Scillato lo scorso venerdì pomeriggio e protrattosi fino Riesi, in provincia di Caltanissetta.
Erano da poco passate le 17, quando, durante un controllo di routine, un’auto dei carabinieri invita a fermarsi il conducente di una Lancia Ypsilon. Da qui comincia una vera e propria scena da film d’azione.

Dopo un’iniziale decelerazione il ragazzo alla guida riprende velocità cercando di urtare i militari che, scampato il pericolo, iniziano immediatamente l’inseguimento. La Lancia Y lanciata a oltre 170 km/h e seguita non accenna a fermarsi, facendo lo slalom tra le autovetture che incontra, spesso anche tamponandole, travolgendo tutto ciò che incontra, le barriere new-jersey, i guard-rail e la segnaletica stradale lungo il tragitto. Giunti all’altezza dello svincolo di Caltanissetta anche una pattuglia della Polizia Stradale si pone all’inseguimento dei due giovani, i quali, per tutta risposta, cercano più volte di speronare le auto delle forze dell’ordine ostacolandone il sorpasso.

Giunti sulla Ss 626 all’altezza di Riesi, dopo oltre 100 km di inseguimento, le auto di carabinieri e polizia riescono a tagliare la strada e bloccare l’autovettura che, nel tentativo di guadagnarsi ancora una volta la fuga, impatta con la volante della polizia, terminando la propria corsa contro un guard-rail. A questo punto i due giovani si danno alla fuga a piedi, ma vengono subito raggiunti e ammanettati.

I protagonisti della bravata sono Alessio Pasqualino di 21 anni e il passeggero Filippo Bordonaro di 24 anni, quest’ultimo già con obbligo di soggiorno nel comune di residenza.

Entrambi i giovani sono stati arrestati e messi ai domiciliari in attesa di giudizio.

Santi Liggieri



© RIPRODUZIONE RISERVATA