Immigrazione

Palermo, arrestati dieci scafisti: l’accusa è di omicidio volontario plurimo

Operazione Immigrazione
28 ago 2015 - 17:45

PALERMO – Continuano senza sosta gli sbarchi di migranti sulle coste siciliane. L’ultimo è avvenuto nella giornata di ieri al porto di Palermo. Grazie ad accurate indagini portate avanti da Polizia di Stato e Guardia di Finanza coordinate dalla Procura Distrettuale della Repubblica, sono emersi i nomi di dieci presunti “scafisti” accusati del reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e di omicidio volontario plurimo.

In particolare, Mohammed Bugura, Sami Naser, Okrema Ahmad Issa, Buchalla Zied, Hasani Cief, Mohamed Alif, Cascus Bade, Alradi El Sami, Nacer Norder, Botaib Mourad (tutti di origini marocchine, siriane e libiche) sono stati riconosciuti quali componenti dell’equipaggio del barcone salpato dalle coste libiche con a bordo oltre 450 migranti provenienti dall’area sub-sahariana e mediorientale.

La presenza di un militare della Guardia di Finanza a bordo della nave che operato gli interventi di soccorso (la KBV001 “Poseidon” della Marina Svedese) ha permesso di raccogliere con più semplicità elementi indiziari nei confronti dei componenti dell’equipaggio, individuandone anche i ruoli.

Dieci gli uomini individuati con i compiti di governare i barconi, di distribuire l’acqua ai soli migranti in coperta, di disporre gli stessi migranti e, in considerazione dell’elevato numero dei clandestini, di mantenere l’ordine a bordo attraverso l’uso di violenza mediante calci, pugni, utilizzo di coltelli, bastoni e cinghie nei confronti soprattutto di quei migranti che cercavano invano di risalire dalla stiva in cui erano ammassati e nella quale hanno trovato la morte per la mancanza di aria, acqua e le esalazioni dei fumi del motore. Sembra che proprio questo tipo di condotta degli scafisti abbia causato il decesso dei 52 migranti giunti morti al porto palermitano.

I dieci fermati sono stati rinchiusi nella casa circondariale di Palermo “Pagliarelli”.

Commenti

commenti

Santi Liggieri



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati

Lascia un Commento