Sanità

Ordine dei Medici: dimissioni di Lucia Borsellino, appello a Mattarella

ordine medici
6 lug 2015 - 19:35

PALERMO - Le recenti dimissioni di Lucia Borsellino dall’incarico di assessore alla sanità hanno gettato nello sconforto l’Ordine dei Medici. La figlia del grande magistrato siciliano aveva annunciato di volersi dimettere dal suo incarico già all’indomani della morte di Nicole, la neonata catanese deceduta in circostanze misteriose per un presunto affare di malasanità; “Non vedo più i motivi per cui restare” disse in quell’occasione Lucia Borsellino.

Nonostante tutto l’assessore decise di non tener fede alle sue parole e, almeno sino a qualche giorno fa, di rimanere. “Goccia che ha fatto traboccare il vaso”, sostengono alcuni, sarebbe stato il caso Tutino, ennesimo esempio di malasanità in Sicilia. Eppure l’Ordine dei Medici, nella persona di Toti Amato (presidente dello stesso per la provincia di Palermo, oltre che coordinatore regionale di tutti gli Ordini siciliani), non sembra per niente disposto ad accettare tale motivazione: “Il caso Tutino non basta a giustificare la decisione di Lucia Borsellino. Probabilmente esistono altre motivazioni che l’hanno indotta a compiere una simile scelta“.

Proprio su queste motivazioni, chiaramente non meglio identificate, si ripropone di far luce l’Ordine dei Medici: “È possibile che Lucia Borsellino, paladina della lotta alle mafie e alla criminalità, sia stata in qualche modo costretta ad abiurare? Chiediamo soltanto chiarezza in proposito”.

E per avere delle risposte definitive gli alti vertici dell’Ordine dei Medici si sono riuniti lo scorso sabato e hanno scelto una linea di condotta comune: chiedere l’intervento di Sergio Mattarella, presidente della Repubblica e siciliano, chiamato a dirimere una questione tutta siciliana. Tuttora si attendono delle risposte dalle alte sfere del nostro governo, ma qualora queste non dovessero arrivare, lo annuncia sin da adesso Toti Amato, l’Ordine potrebbe chiamare in causa persino la Procura della Repubblica: “Se Sergio Mattarella non dovesse occuparsi della questione, l’Ordine andrà comunque avanti. Le dimissioni di Lucia Borsellino hanno generato non poca preoccupazione tra i medici siciliani che dietro i motivi ‘etici e morali’ che giustificano la decisione dell’assessore, temono possano nascondersi inquietanti risvolti pratici. Lucia Borsellino è davvero una bella persona, ma le sue dimissioni incidono pesantemente sulla condizione sanitaria dell’isola. Si pensi che il settore medico sanitario basta da solo a coprire il 51% del PIL nazionale. Uno sconquasso simile all’interno dell’amministrazione siciliana si tradurrebbe in enormi disagi per i cittadini, come al solito i primi a pagare in simili circostanze, ma genererebbe anche delle tensioni a livello nazionale ed internazionale. Non bisogna dimenticarsi infatti che il diritto alla salute e alla previdenza sono due dei pilastri portanti del Welfare“.

Le dimissioni di Lucia Borsellino, a ben vedere, non possono che preoccupare anche noi, semplici cittadini, soprattutto se contestualizzate in questa precisa fase storica: l’assessore infatti è uno dei tanti che hanno rassegnato le dimissioni nel corso del contestatissimo governo Crocetta.

Commenti

commenti

Valentina Idonea



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati

Lascia un Commento