Corruzione

Operazione “Bloody money”: le intercettazioni che hanno incastrato i dirigenti medici

intercettazioni-bloody-money
18 ott 2016 - 12:21

CATANIA - Sono durate per circa un anno le indagini della Guardia di Finanza di Catania in merito al dirottamento di pazienti, effettuato dal personale sanitario, da strutture pubbliche a strutture private previ accordi economici tra le parti.

L’operazione che oggi ha portato all’arresto di cinque persone è stata denominata “Bloody money” ed è stata portata avanti grazie a numerose intercettazioni, effettuate dalla Guardia di Finanza, che hanno permesso di far luce su questi eventi corruttivi presenti all’interno del settore dialitico.

All’interno delle intercettazioni si nota come il personale sanitario degli ospedali dirottava nelle strutture private i pazienti, a cui serviva sottoporsi ad una dialisi, con frasi come: Signora ma che gli fa fare dialisi o cose qui, ne muoiono tanti in ospedale”.

Lo stratagemma consisteva nel far desistere il paziente dall’effettuare la dialisi nella struttura ospedaliera pubblica e convincerlo ad andare in uno struttura privata tra cui, le più gettonate, erano la “Diaverum Italia Srl” e “Le Ciminiere Srl“. In cambio la struttura privata offriva dei “regali” al personale sanitario che, la maggior parte delle volte, consistevano in assunzioni di familiari, consulenze e bonus contrattuali.

Schema intercettazioni in merito alle promesse di "regali"

Schema intercettazioni in merito alle promesse di “regali”

E proprio all’interno delle intercettazioni che gli imputati facevano più volte riferimento alla parola “regalo” con affermazioni del tipo “Mi avevi detto che mi facevi un regalo, “Il regalo è pronto, deve arrivare” oppure “tutto pronto dobbiamo andarlo a prendere”.

Ed in effetti non pochi erano i collegamenti tra i familiari del personale sanitario delle strutture ospedaliere pubbliche e le due società private indagate frutto di accordi reiterati che andavano avanti da più di due anni.

Schema dei legami tra il personale sanitario e le aziende private

Schema dei legami tra il personale sanitario e le aziende private

Grazie a questo lavoro di intercettazione la Guardia di Finanza di Catania ha scoperto la il grave danno ai fondi pubblici destinati alle strutture sanitario che, secondo un resoconto delle fiamme gialle, ammonterebbe a più di 1 milione e mezzo annuo soltanto all’interno del settore dialitico.

Carlo Marino



© RIPRODUZIONE RISERVATA