Indagini

Omicidio Floridia, l’autopsia rivela le cause della morte: un proiettile ha attraversato i polmoni

sebastiano-sortino
14 set 2016 - 12:12

FLORIDIA - È stata effettuata ieri sera l’autopsia sul corpo di Sebastiano Sortino, il 49enne panettiere floridiano vittima di un agguato mortale nelle prime ore di sabato. 

Gli investigatori sono giunti rapidamente all’arresto di due diciassettenni e un diciottenne accusati di omicidio volontario. Alla base del gesto un banale rimprovero che ha fatto scattare nei tre giovani la “sete di vendetta”.

Secondo i risultati dell’esame autoptico, dei cinque colpi esplosi, uno è stato mortale: il proiettile ha attraversato il polmone sinistro, reciso l’aorta  e raggiunto il polmone destro per fermarsi sopra la scapola. 

La figlia della vittima, Nunziatina, ha dichiarato a Mattino 5 che a sparare il colpo mortale sarebbe stato “un suo cugino”, un parente dell’ex moglie della vittima

Anche il figlio Angelo ha parlato in diretta ai microfoni di Canale 5: “Voglio vedere quanto vale per i magistrati la vita di mio padre. La mia paura è quella di ritrovarmeli in giro tra un paio d’anno. Chiedo sia fatta giustizia. Ho ancora fiducia nella magistratura“.

Questa mattina udienze di convalida a Catania, nel centro di prima accoglienza per minori dove sono stati condotti i due diciassettenni insieme al diciottenne Dylan Foti rinchiuso, invece, a Cavadonna.

Per i funerali di Sortino, che  potrebbero essere celebrati già domani, il sindaco Orazio Scalorin, ha annunciato la proclamazione del lutto cittadino.

Aurora Circià



© RIPRODUZIONE RISERVATA