Omicidio

Oggi l’autopsia sul corpo del pregiudicato ucciso ieri allo Zen: fermata una persona

volante della polizia
30 mar 2015 - 08:48

PALERMO – Nella notte Fabio Chianchiano è stato fermato nell’ambito dell’indagine sull’omicidio di Franco Mazzè, pregiudicato di 46 anni, assassinato ieri allo Zen a Palermo, da due killer che gli hanno sparato alla testa.

Il provvedimento di fermo è stato firmato dal pm Gery Ferrara e secondo quanto si apprende, all’uomo vengono contestati i reati di tentato omicidio e possesso illegale di armi: prima del delitto avrebbe avuto una lite violenta con la vittima.

La vicenda, però, è molto complessa e gli inquirenti, che hanno lavorato al caso tutta la notte, stanno tentando di ricostruire il ruolo del fermato nell’omicidio e di risalire alle altre persone coinvolte.

Intanto oggi verrà eseguita nel pomeriggio all’Istituto di Medicina legale del Policlinico di Palermo l’autopsia sul cadavere del pregiudicato ucciso. L’uomo, lo ricordiamo, è stato colpito da diversi proiettili mentre si trovava davanti a un panificio.

Immediatamente soccorso, è stato trasportato all’ospedale Villa Sofia, in codice rosso, dove è morto.

Non sono mancati i momenti di tensione all’interno dell’ospedale dove sono arrivati in massa i parenti dell’uomo ed è stato necessario l’invio di poliziotti e carabinieri per sedare gli animi.

L’inchiesta è condotta dalla Squadra mobile di Palermo.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati

Lascia un Commento