Abbandono

Neonato “risorge” grazie alla culla della vita: una bella storia pasquale

neonato 1
4 apr 2015 - 10:13

GIARRE – Quante volte si sono sentite le terribili storie di neonati abbandonati, a poche ore dalla nascita con il cordone ombelicale ancora attaccato all’interno dei cassetti dell’immondizia.

Solo in pochi casi qualche angelo è riuscito a salvarli ma tante volte queste creaturine non ce l’hanno fatta. Una vera e propria via crucis, per restare nel tema della festività di Pasqua, per medici e infermieri. Ma pensiamo anche per le madri che – nonostante un gesto abominevole – in cuor loro soffrano terribilmente.

Esiste la possibilità di lasciare il bimbo in ospedale con la garanzia dell’anonimato ma molte donne per timore e vergogna non utilizzano questa soluzione. Allora, a fronte di oltre 3mila neonati abbandonati all’anno in tutta Italia, sono state istituite in varie città le “culle per la vita”. Si tratta della moderna “ruota degli esposti” che consente di lasciare il neonato in totale anonimato con la sicurezza di soccorsi immediati.

E così – certi di una via crucis della madre – un piccolino è stato deposto nella culla per la vita di Giarre – intorno alle 4 – nella nicchia di via Umbria, a lato della chiesa di Gesù Lavoratore.

Nella nicchia è presente un sistema che attraverso sensore e telecamera rileva la presenza all’interno del vano e allerta immediatamente la centrale del 118. E così è stato anche questa mattina quando gli operatori si sono recati sul posto e hanno trovato il piccolo che è stato portato prima all’ospedale di Acireale e poi al policlinico di Catania.

La passione del neonato è durata poco: grazie alla tecnologia è stato salvato e non è finito – come purtroppo tanti altri bambini appena nati – in un cassonetto. La sua vita, adesso, è affidata a medici, infermieri e volontari. 

Poteva morire ma invece – grazie alla culla per la vita – è un neonato in ottima salute e, anche se la sua vita è inziata già in salita, possiamo parlare di una bella storia pasquale.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento