Immigrazione

Naufragio Augusta 2016 fra le tragedie più grandi del Mediterraneo. Oggi il recupero dei corpi

Augusta 2016
1 lug 2016 - 10:29

AUGUSTA - Dopo tanto ritardo, oggi cominceranno le operazioni di recupero delle salme all’interno del barcone affondato il 18 aprile 2015.

L’intervento, chiamato Augusta 2016, vedrà all’opera il corpo dei vigili del fuoco, che avranno l’arduo compito di riesumare le salme. Il tutto non senza polemiche.

L’operazione, infatti, ha visto molti rallentamenti, specialmente a causa delle avverse condizioni del mare. Una missione che, da complicata e difficile, ha rischiato di trasformarsi in impossibile. Senza contare, tra l’altro, le polemiche.

Mesi fa, infatti, il rappresentante del Conapo (sindacato autonomo dei vigili del fuoco) Giuseppe Musarra ha messo in luce diverse problemi e perplessità riguardo Augusta 2016: “Per completare le operazioni di recupero ci vorranno circa 7 giorni, salvo complicazioni”. Ma, le preoccupazioni maggiori riguardavano le condizioni di lavoro e i rischi per i vigili del fuoco coinvolti: “Ci ritroveremo a 370 metri di profondità, senza luce e con temperature fuori dalla norma. Tra l’altro, non sappiamo nemmeno in che condizioni, dopo un anno, possano essere i corpi di quelle povere vittime”.

Oggi, dunque, cominceranno i lavori di recupero delle salme.

Andrea Lo Giudice



© RIPRODUZIONE RISERVATA