Stupefacente

Nascondevano la droga in una stalla ad Adrano: arrestati due spacciatori

5892178243_b72ef1d07b_b
22 mag 2017 - 13:22

ADRANO - Lo scorso 20 maggio, il personale del commissariato di Adrano ha arrestato Giuseppe David Costa (a sinistra nella foto) di 35 anni, e Giuseppe Fichera (a destra) di 18 anni, per il reato di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.

Nel corso dell’intensa attività di controllo del territorio e di prevenzione dei reati, gli agenti della volante, mentre si trovavano in via Arcoria, hanno notato Costa insieme a un altra persona, ovvero Fichera.

  

Immediatamente è scattato il controllo dei due. Durante le fasi dell’accertamento, i poliziotti si sono accorti che la porta di una stalla, vicino alla quale si trovavano le persone poste a controllo, era aperta e, nel contempo, di come il 35enne manifestasse palesi segni di nervosismo.

Quindi, il controllo, è stato esteso all’interno del locale, dove sono state trovate, nascoste in un mobiletto posto alla destra dell’entrata della stalla, alcune dosi di marijuana e 120 grammi di cocaina.

Procedendo nella perquisizione, in fondo alla stalla, nascosti tra alcune masserizie, sono stati anche trovati altri due panetti di marijuana dal peso complessivo di un chilogrammo. Sequestrati anche due bilancini di precisione e materiale per il confezionamento dello stupefacente.

Inoltre, in seguito della perquisizione personale, Giuseppe Fichera è stato trovato in possesso di un involucro in cellophane contenente altri 50 grammi di cocaina e della somma di 150 euro, presumibile ricavato dell’attività di spaccio.

In totale, quindi, sono stati trovati e sequestrati circa un chilo di marijuana (un chilogrammo suddiviso in due panetti e 20 grammi sfusi), 170 grammi di cocaina, 150 euro, due bilancini di precisione e materiale per il confezionamento delle sostanze stupefacenti.

Il pm di turno ha disposto che i due uomini venissero portati al carcere di Piazza Lanza di Catania a disposizione della procedente autorità giudiziaria.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA