Ritrovamento

Muore da solo in casa: fratello lancia l’allarme

carabinieri
7 giu 2017 - 14:15

SIRACUSA - Il cadavere di un tossicodipendente augustano di 51 anni è stato rinvenuto nel pomeriggio di lunedì all’interno della propria casa.

Il decesso, presumibilmente attribuibile ad un eccessiva assunzione di “metadone”, sostanza lecitamente posseduta dalla vittima in virtù del suo personalizzato piano terapeutico stilato dal Ser.t di Siracusa, per i suoi trascorsi problemi di tossicodipendenza.

A lanciare l’allarme il fratello della vittima che da circa un giorno, non ricevendo alcuna risposta alle numerose telefonate effettuate al fratello, ha avvertito i militari della compagnia di Augusta che sono intervenuti sul posto insieme a personale del 118 e al medico legale.

Non essendo state rilevate tracce di violenza sul corpo della vittima e in mancanza di elementi utili che facciano presagire una morte non naturale, a conclusione dell’ispezione cadaverica la salma è stata restituita ai familiari come disposto dall’autorità giudiziaria.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA