Giallo

Morto un ragazzo mentre una donna è in fin di vita: forse avvelenamento

carabinieri
25 gen 2015 - 12:08

GRATTERI – È accaduto stamattina, verso le ore 9. In un appartamento residenziale di contrada Sillitta un ragazzo è andato al casa del nonno e ha bussato ripetutamente alla porta ma nessuna risposta, così l’ha sfondata e uno scenario terribile si è mostrato davanti ai suoi occhi.

Lì, c’era il cadavere di un altro nipote, Giacomo La Cova, ventiduenne di Termini Imerese. Non da solo però… infatti accanto aveva il corpo di Maria Grazia Falliti, messinese di quarantasette anni, residente a Cefalù. Dalle loro bocche usciva bava.

Il ragazzo, in preda al panico, ha lanciato l’allarme e ha chiamato i soccorsi del 118 ma per La Cova non c’è stato nulla da fare mentre la signora, ancora in vita, è stata sottoposta a massaggio cardiaco e trasportata d’urgenza all’ospedale Civico di Palermo.

Le indagini, adesso sono in mano ai carabinieri della stazione e della compagnia di Cefalù ma si esclude già che il ragazzo sia morto a causa di violenza. Non ci sono neanche segni di arma da fuoco e da taglio. 

Intanto il magistrato ha disposto l’ispezione cadaverica e non esclude che possa trattarsi di avvelenamento alimentare.

Sono già in corso gli interrogatori con i familiari per tentare di chiarire i contorni di quello che allo stato è un giallo a tutti gli effetti.

Commenti

commenti

Giorgia Mosca



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento