Tragedia

Morte carabiniere donna: proiettile ferisce il compagno poliziotto che tenta di disarmarla

carabinieri
28 feb 2017 - 12:01

SIRACUSA - Emergono nuovi dettagli sulla tragedia che questa notte ha scosso la città aretusea.

L.G., 32 anni, sottoufficiale dei carabinieri in servizio al Comando provinciale di Siracusa, si sarebbe uccisa sparandosi un colpo alla nuca con la propria pistola d’ordinanza intorno all’una di notte.

La trentaduenne, originaria del Lazio, al momento della tragedia si trovava in casa con il compagno, F. F., poliziotto pugliese di 45 anni in servizio alla Questura di Siracusa. 

Il sottoufficiale avrebbe impugnato la pistola d’ordinanza e avrebbe ferito il compagno, raggiunto da un proiettile al ginocchio, mentre quest’ultimo tentava invano di disarmarla.

A quel punto la donna si sarebbe puntata la pistola alla tempia e avrebbe premuto il grilletto, togliendosi la vita. 

È stato l’uomo, sotto choc, a dare l’allarme e a chiamare i soccorsi. 

La Procura di Siracusa ha aperto un’inchiesta e sta cercando di ricostruire le ultime ore di vita del sottoufficiale attraverso la testimonianza del compagno e i rilievi effettuati all’interno dell’appartamento teatro della tragedia. 

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA