Formazione

A Modica nel prossimo week-end il terzo “Festival delle famiglie”

Foto di gruppo terzo festival delle famiglie
9 mag 2016 - 18:08

MODICA - Si terrà venerdì 13 e sabato 14 maggio a Modica la terza edizione del “Festival delle famiglie” che quest’anno andrà sotto il titolo di “Famiglia come custode della comunità”.

La manifestazione è promossa dal Comune in partenariato con l’Avis di Modica, la cooperativa “L’arca”, la Fidapa modicana, le associazioni Ipso Facto, Inner Wheel Monti Iblei, Mogli medici italiani, Lions Club, la scuola Servizio Sociale, l’Ordine degli assistenti sociali siciliano e gli istituti Alberghiero e “Raffaele Poidomani”.

Il programma prevede lo svolgimento di due corsi di formazione con altrettanti indirizzi formativi per i giovani e per gli operatori del settore. 

Questo è stato illustrato stamani alla stampa nella sala “Giorgio Spadaro” di palazzo San Domenico; presenti il sindaco di Modica, Ignazio Abbate, il vice presidente dell’Ordine degli assistenti sociali Salvatore Poidomani, dal presidente dell’Avis di Modica, Carmelo Avola e alcuni rappresentanti delle associazioni che hanno aderito al progetto.

Il primo corso della manifestazione si terrà il 13 maggio dalle 14,30 alle 18,30 nei locali dell’istituto “Raffaele Poidomani” ed è riservato a diciassette coppie di genitori con la compagnia della formatrice Claudia Crudele.

Conf Stampa terzo festival delle famiglie

“Sono soddisfatto di come l’iniziativa sia stata promossa – ha commentato il sindaco Abbate – poiché riposiziona al centro della società la famiglia, oggi in crisi per la messa in discussione di alcuni valori fondanti che si legano al difficile contesto storico che stiamo vivendo”.

Conclude così il primo cittadino modicano: “Quella del festival è una scelta politica di alto profilo, c’è bisogno di determinare una riflessione seria e profonda sulla famiglia di oggi. Non sottovaluterei la presenza della scuola nella crescita culturale ed educativa della famiglia e sarebbe auspicabile che anche altri comuni potessero organizzare sul tema discussioni e confronti di questa natura”.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA