Lutto

Modica, due giovani vite volate via: celebrati i funerali di Stefano e Alessio

Parrocchia San Luca a Modica
7 nov 2016 - 17:57

MODICA - Due vite giunte al termine troppo prematuramente, due ragazzi ricordati con un grande ed unico abbraccio simbolico.

Parliamo dei funerali che si sono svolti stamani nella chiesa della Madonna delle Lacrime, a Modica, per ricordare il sedicenne Stefano Bombardamento che cadde tre anni fa, il 9 marzo 2013, dal lucernario della scuola “Raffaele Poidomani” mentre giocava con alcuni amici. La famiglia ha provato di tutto per risollevare le sue sorti, anche un centro specializzato a Rimini ma lo scorso anno il giovane era tornato a casa.

A lui e ai suoi cari, si stringe anche la famiglia di Alessio Iabichella, elettricista ventiseienne morto venerdì scorso durante un incendio divampato nell’azienda “Ovobianco“. I suoi funerali si sono invece svolti nel pomeriggio nella chiesa di San Luca in contrada Pirato, che però non è riuscita a contenere tutta la folla composta e rispettosamente silenziosa nonostante la scosciante pioggia.

Tantissimi i giovani, tra cui gli amici e i compagni di squadra del Frigintini Calcio, dove Alessio giocava. È stato descritto come un leader, un fratello, un lavoratore affidabile e soprattutto serio. Il calcio era al centro della sua vita, come ha evidenziato il capitano della squadra Giurdanella che ha speso due parole per ricordare il suo amico e compagno.

Sulle cause del rogo stanno continuando ad indagare i Carabinieri ma con il supporto tecnico dei Vigili del Fuoco. Esclusa la matrice dolosa, si cerca ancora di capire come ha preso fuoco parte dell’azienda ed è per questo motivo che i militari hanno messo sotto controllo le telecamere di videosorveglianza dell’edificio aziendale.

Gabriele Paratore



© RIPRODUZIONE RISERVATA