Polizia

Modica, bimbo denuncia: “Mia mamma vuole uccidermi”

Polizia Modica
26 set 2016 - 15:44

MODICA - Un bambino di 10 anni, di padre modicano e madre albanese, si è presentato al comando di polizia locale in Piazza Principe di Napoli, impaurito e piangente, accusando palesemente la madre di intenzioni omicide ma anche suicide.

Ha raccontato la sua versione al vice comandante, Roberto Amore, sostenendo che la mamma aveva manifestato l’intenzione estrema impugnando, addirittura, un coltello e aggiungendo che poi si sarebbe uccisa anche lei. Sono momenti convulsi anche per lo stato di agitazione del giovanissimo.

Immediatamente sono stati allertati i servizi sociali comunali che sono intervenuti prendendo in custodia il ragazzino, mentre la polizia locale ha rintracciato il padre. Una situazione familiare che le assistenti sociali già conoscevano: la questione ha portato unanimemente ad assumere un provvedimento drastico. La polizia locale ha, infatti, informato la Procura della Repubblica per i Minori di Catania e il giudice tutelare mentre i Servizi Sociali del Comune hanno affidato il bambino a una casa di accoglienza in attesa dei provvedimenti della magistratura etnea.

Pare che l’episodio non sia circoscritto all’attuale ma che già, in altre circostanze, la madre avesse assunto atteggiamenti simili. Stavolta, però, il minore ha reagito rifugiandosi al Comando della Polizia Locale, rifiutando di incontrare i genitori.

Gabriele Paratore



© RIPRODUZIONE RISERVATA