Violenza

Minorenne nigeriana rapita, minacciata e sottoposta a tentativi di abuso

maltrattamento violenza abuso
23 ott 2015 - 18:31

MINEO – Una ragazzina nigeriana dopo essere stata ospite in una comunità di minori a Canicattì è stata prelevata con forza dal centro e rinchiusa in un alloggio privo di qualunque servizio, all’interno del Cara di Mineo, a scopo di abuso.

Nel pomeriggio di domenica 18 ottobre, mentre la sedicenne passeggiava per le vie di Canicattì, un’ autovettura di color blu scuro con a bordo due uomini nigeriani si avvicinava a lei e il passeggero la trascinava sull’auto minacciandola di morte.

L’uomo, nelle strutture del Cara di Mineo dove aveva rinchiuso la minorenne, ha tentato due volte di abusare di lei che prontamente, però, si era difesa riuscendo ad evitare tali rapporti. Rinchiusa e minacciata per diversi giorni, solamente mercoledì scorso, 21 ottobre, la giovane è riuscita a fuggire e fermare un’auto di militari per chiedere aiuto.

Attraverso il database dell’amministrazione del Cara è stata possibile l’identificazione del rapitore: Edoro Lucky.

EDORO Lucky

L’uomo di 29 anni è stato posto in stato di fermo come indiziato di delitto per tentata violenza sessuale, minacce gravi e sequestro di persona.

Edoro Lucky è stato condotto e rinchiuso nella casa circondariale di Caltagirone.

La ragazza è invece ospitata in una comunità per essere protetta al meglio.

Commenti

commenti

Roberta Rapisarda



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Un pensiero su “Minorenne nigeriana rapita, minacciata e sottoposta a tentativi di abuso

Lascia un Commento