Sbarchi

Migranti cristiani gettati in mare, proseguono gli interrogatori. Oggi oltre 500 profughi in Sicilia

clandestini
18 apr 2015 - 10:22

PALERMO – Proseguono questa mattina, al carcere Pagliarelli di Palermo, gli interrogatori dei profughi musulmani fermati due giorni fa con l’accusa di omicidio plurimo aggravato per avere gettato in mare, durante la traversata dalla Libia alla Sicilia, dodici cristiani, dopo una lite per motivi religiosi.

Ieri pomeriggio il gip del tribunale di Palermo Guglielmo Nicastro ha ascoltato i primi otto arrestati. Due si sono avvalsi della facoltà di non rispondere, mentre altri sei hanno respinto le accuse.

Oggi verranno sentiti gli altri sei musulmani. Nel corso degli interrogatori di ieri, a cui era presente anche il pm Renza Cescon, che indaga sulla vicenda con il coordinamento del procuratore aggiunto, Maurizio Scalia, i sei profughi hanno raccontato che i cristiani sono caduti in mare accidentalmente “a causa della ressa sul gommone”.

Ma ad accusarli ci sono le testimonianze dei cristiani che hanno raccontato tutto agli investigatori al loro arrivo a Palermo. Gli uomini della squadra mobile hanno raccolto le testimonianze di sei profughi scampati alla strage nel Canale di Sicilia.

La convalida del fermo o la trasformazione in ordine di custodia sarà decisa dal giudice per le indagini preliminari Nicastro tra oggi e domani. Sempre oggi verrà sentito anche il minorenne arrestato con gli altri 14 profughi musulmani, accusato di avere partecipato alla mattanza.

E intanto continuano gli sbarchi in Sicilia. Stamattina a Palermo è approdato il cargo “Zeran” battente bandiera maltese  con a bordo 93 clandestini: 19 sono donne e 3 i bimbi.

Altri tre di loro si sono sentiti male, hanno problemi di salute, e sono stati trasportati in ospedale per le cure.

A Messina, invece, ne sono arrivati 454 con la nave militare Driade. Tra loro circa 50 minori, 2 neonati e 8 donne incinte. 

I sanitari hanno riscontrato 50 malati di scabbia e 2 di malaria piretica.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati

Lascia un Commento