Lavori

Metropolitana: tratto di Circonvallazione chiuso. Disagi per un anno

metropolitana-monte-po
11 mar 2017 - 06:20

CATANIA - Si parla ancora di Metropolitana e ancora di lavori, ma soprattutto, si parla dei disagi che solo tra un anno a partire da Marzo 2018, potranno essere risolti: così, la carreggiata sud del viale Felice Fontana, tratto di strada della Circonvallazione, è stata chiusa, al fine di far proseguire i lavori per la nuova fermata della Metropolitana di Catania.

Ma la Polizia stradale e il Comune non possono di certo non trovare la soluzione per i viaggiatori che da Misterbianco devono giungere a Catania, e che vogliono percorrere la Circonvallazione: pertanto, è stata già aperta una bretella viaria proprio nel viale Fontana, per deviare il traffico in via Leopoldo Nobili, per poi proseguire in via San Pio X, fino alla rotatoria di via Ugo La Malfa; a questo punto, per ritornare nella Circonvallazione, basterà immettersi nella rotatoria di via La Malfa e svoltare in via Francesco Miceli, per poi spuntare nel viale Lorenzo Bolano.

170304124526

Tratto della circonvallazione chiusa: il percorso alternativo.

Nonostante l’alternativa, la confusione si viene a creare comunque, soprattutto nelle ore di punta, quando i viaggiatori sono spesso studenti o lavoratori: ed ecco, il disagio che probabilmente vedrà protagonisti proprio i lavoratori. “L’eccessivo rallentamento in via Leopoldo Nobili, potrebbe portare al ritardo di molte persone, senza pensare che ulteriori condizioni meteorologiche potrebbero aggravare la situazione“, pare questa la preoccupazione dei lavoratori, che comunque riconoscono il grandissimo lavoro – e gli sforzi enormi che si devono fare – per la realizzazione della nuova fermata della Metropolitana.

Ma il problema si fa più pesante per la durata della chiusura della carreggiata del viale Fontana: esattamente, si prevede il completamento della nuova stazione entro 12 mesi, e proprio per questo, la carreggiata che da Misterbianco porta a Catania, sarà chiusa durante i lavori di questi lunghi 12 mesi.

La mappa della Metropolitana.

La mappa della Metropolitana.

Non solo per i lavoratori, ma anche per gli abitanti e i commercianti della zona si vengono a creare disagi: “Il viale Bolano è stato blindato da una cortina di new jersey e blocchi di cemento che provoca lunghissime code con migliaia e migliaia di auto che intasano le strettissime strade di Nesima che non reggono ad una mole di traffico tanto grande - ha dichiarato il consigliere comunale Maurizio Mirenda -. Problemi a cui si va ad aggiungere la presenza di scuole, parrocchie e piazze tra il viale Bolano e il viale San Pio X“.

Pertanto, il consigliere Mirenda ha “incontrato abitanti e commercianti della zona per comprendere i loro disagi, stilare un elenco di interventi da intraprendere durante il tempo necessario per ultimare il cantiere e scongiurare la chiusura di molte attività commerciali per mancanza di clienti“.

La fermata Fontana – continua Mirenda – è un’opera di vitale importanza perché permetterebbe agli utenti di raggiungere l’ospedale Garibaldi. La questione di fondo è che, nel frattempo, bisogna adoperarsi per limitare al minimo i disagi della gente. In particolare mi riferisco alla situazione di via Leopoldo Nobili dove mancano ormai da anni gli interventi di manutenzione straordinaria“.

mirenda incontra abitanti e commercianti zona via nobili (1)

Incontro tra il consigliere comunale Mirenda e i commercianti della zona di via Nobili.

Tra le opere principali richieste da commercianti e abitanti, nel corso dell’incontro, spicca la realizzazione di un ampio parcheggio nei terreni abbandonati vicino all’ospedale e la possibilità di creare dossi per garantire il rispetto dei limiti di velocità. Con i nuovi stalli di via Nobili – conclude il consigliere – i genitori o i clienti potrebbero posteggiare la propria auto lì ed accompagnare i figli a scuola oppure fare acquisti nei negozi di zona. Allo stesso modo i dossi garantirebbero l’incolumità di chiunque voglia attraversare la strada“.

Commenti

commenti

Samuele Amato



© RIPRODUZIONE RISERVATA