Cutgana

Melilli, esercitazione di soccorso speleologico

Villasmundo Esercitazione speleologi 13 luglio
13 lug 2015 - 16:42

MELILLI - Un’esercitazione di soccorso speleologico finalizzata a testare le manovre di emergenza in grotta in caso di incidenti in profondità. Ad eseguirla sabato scorso – all’interno della grotta Villasmundo della Riserva naturale integrale “Complesso Speleologico Villasmundo – S. Alfio” gestita dal Cutgana dell’Università di Catania – sono stati 17 tecnici del Soccorso speleologico regionale guidati e coordinati dal delegato della X Zona Speleologica del Corpo nazionale Soccorso alpino e speleologico (CNSAS), Alfio Cariola.

Il gruppo è stato accolto ed accompagnato dal direttore dell’area protetta Elena Amore, insieme con gli esperti Alessandro Torrisi e Renzo Ientile del Cutgana, il centro dell’ateneo catanese diretto da Giovanni Signorello. Durante l’esercitazione, che ha visto impegnati i tecnici per oltre 12 ore (fino alle 22), è stato simulato un incidente in grotta con il trasporto di un ferito barellato nella parte allagata sia a mano, sia con specifiche teleferiche di corda. “La collaborazione, stimolante e proficua, con il Soccorso alpino e speleologico siciliano è anche suggellata dalla convenzione in atto per la messa in sicurezza delle grotte Alfio, Villasmundo e Palombara gestite dal Cutgana” ha precisato il direttore della riserva Elena Amore.

Soddisfatto anche Alfio Cariola, il quale ha evidenziato che “l’esercitazione è servita per ottimizzare i tempi di trasporto della barella nella grotta Villasmundo e per valutare meglio l’ubicazione degli ancoraggi fissi per la progressione in sicurezza delle zone con verticali al fine di permettere la fruizione di tale cavità ai gruppi speleologici”. 

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento