Maltempo

Mareggiata a Riposto, sindaco chiede lo stato di calamità

IMG_2496
1 nov 2015 - 17:12

RIPOSTO - Una fortissima mareggiata si è abbattuta sul comune costiero di Riposto creando disagi a tutta la popolazione.

In una nota del primo cittadino Enzo Caragliano, che per domani ha disposto la chiusura di tutte le scuole, si legge: “I danni provocati dalla mareggiata della scorsa notte sono pesantissimi. Ci stiamo attivando per chiedere alla Regione lo stato di calamità. La forza del mare ha ulteriormente danneggiato il nostro lungomare inghiottendo interi tratti di muretti di contenimento. La mareggiata, ancora una volta, ha trascinato sulla strada pietrame e detriti vari rendendo impraticabili alcuni tratti del lungomare Pantano.

Non appena le condizioni meteo lo consentiranno provvederemo a rimuovere i detriti e riaprire i tratti di strada interdetti. Particolarmente critica la situazione in via Colombo ove si rende necessario ripristinare la viabilità lungo un asse viario di riferimento della nostra città. Sul fronte operativo, abbiamo attivato in mattinata il COC (centro operativo comunale) per il coordinamento delle operazioni. La nostra macchina comunale è pienamente operativa sin da sabato notte con l’impiego del personale di pronta reperibilità, mentre la Protezione civile comunale, in stretto coordinamento con diverse associazioni di volontariato che operano sul nostro territorio, sta monitorando i punti critici.

Stiamo seguendo l’evolversi dei fenomeni atmosferici e coordinando tutti gli interventi di pronta assistenza in particolare nelle zone maggiormente esposte ai fenomeni idrogeologici, tra cui l’area di via Immacolata, contrada Cozzi, Carrubba e la zona di via Colombo. Giacché l’allerta meteo proseguirà per le prossime 20 ore si ribadisce l’invito ai cittadini alla massima attenzione, a ridurre al minimo necessario gli spostamenti veicolari e pedonali, ad evitare le aree a rischio con particolare riferimento, nel nostro territorio, ai sottopassi ferroviari di Via La Torre e di Quartirello, e alle sedi stradali nelle quali possono verificarsi accumuli di acqua e detriti per piogge, esondazioni ed eventuali mareggiate. Domani – conclude il sindaco Caragliano – non appena le condizioni meteo lo consentiranno effettueremo una ricognizione più capillare e predisporre una relazione aggiornata sui danni provocati da questa ennesima mareggiata”.

Commenti

commenti

Marco Bua



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento