Protesta

Manifestazione a Lentini per il lavoro e contro la discarica

primo maggio a Lentini
1 mag 2017 - 17:12

LENTINI - Per lottare contro l’arroganza dei poteri centrali e riaffermare la centralità dei territori, il “Primo maggio dei territori a Lentini”. Che ha richiamato associazioni, gruppi, movimenti, centri sociali e comitati da tutta la Sicilia, per dire no alle discariche e in particolar modo a quella di rifiuti speciali non pericolosi di contrada Armicci. Già autorizzata dalla Regione.

A organizzare la manifestazione, il coordinamento No discarica Armicci, che ha dato appuntamento in piazza della Resistenza per un corteo che ha attraversato le principali vie della città per concludersi in piazza Umberto con un lungo concerto. Presenti anche le amministrazioni di Lentini, Carlentini e Francofonte con in testa i sindaci Saverio Bosco, Giuseppe Basso e Salvatore Palermo.

I territori – hanno commentato gli organizzatori – sono sotto attacco nei loro beni, nei loro bisogni, nelle loro emergenze; un attacco lampante, sfrontato e protetto dai poteri centrali. Qui a Lentini siamo alle prese con il cartello delle discariche che vuole fare del nostro territorio un grosso polo del business dei rifiuti. Nel medesimo modo sono attaccati i territori di Terrasini, Melilli, Motta Sant’Anastasia, Misterbianco, Aci Sant’Antonio, di Val del Mela, di Catania, Palermo e ormai di tutta la Sicilia. Il primo maggio dei territori è quindi una giornata di lotta, di incontro e condivisione per tutti i comitati siciliani che resistono alle dinamiche di stampo coloniale che trattano la nostra terra come un bottino da depredare. Contro l’arroganza dei poteri centrali, riaffermiamo la centralità dei territori”.

Sul palco di piazza Umberto, per il concertone, Alfio Antico, Carlo Muratori, Lab Psl, Cesare Basile, Monforte, Rossella Aliano, I figli dell’officina, Ltg, La Governante Dj set e Alessio Di Modica.

Gisella Grimaldi

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA