Statistiche

“La mafia più forte dello Stato, la politica bocciata”. La parola agli studenti

statistiche
14 apr 2016 - 13:28

SICILIA - Forte sfiducia verso le istituzioni e la politica da parte degli studenti (espressa da quasi l’85% degli intervistati) ma anche voglia di legalità a tutti i livelli.

Ribadita la posizione netta contro mafie, criminalità e corruzione: combattere la mafia è possibile soprattutto colpendola nei suoi interessi economici e, in via indiretta, combattendo corruzione e clientelismo e coltivando la cultura della legalità, rivendicando i propri diritti e rispettando quelli altrui.

Queste le principali indicazioni emerse dall’annuale indagine sulla percezione mafiosa condotta tra oltre duemila studenti partecipanti al Progetto educativo antimafia promosso dal Centro Pio La Torre di Palermo e che ha coinvolto circa diecimila studenti in tutta Italia.

La sfiducia degli intervistati nei confronti della classe politica è elevata (84,7%) e per il 48% la mafia e’ più forte dello Stato; solo secondo il 31,5% è possibile sconfiggerla definitivamente.

“I risultati delle risposte complessive degli studenti – sottolinea Vito Lo Monaco, presidente del Centro Pio La Torre – da un lato offrono uno spaccato dell’evoluzione della loro percezione sulla negatività del fenomeno mafioso e del loro rifiuto di incontrarlo; dall’altro mostrano quanto sia cresciuta in questi giovani la consapevolezza che corruzione, mafia e politica sono strutturalmente sempre più collegate, che una rivoluzione legalitaria è necessaria per lo sviluppo del paese. Tutto ciò sembra un’invocazione di correzione rivolta alla classe dirigente del Paese. Pur in presenza di risultati apprezzabili sul piano della repressione, i recenti fatti, da Mafia capitale allo scandalo della gestione dei beni confiscati, non aiutano a far crescere la fiducia”.

L’indagine è stata condotta tra giovani studenti delle terze, quarte e quinte classi di alcuni istituti di scuole medie superiori distribuiti a macchia di leopardo su tutto il territorio nazionale. Sulla percezione del rapporto tra fenomeno mafioso e mondo della politica, gli intervistati hanno dichiarato per il 47,89% di ritenerlo molto forte, il 45,72% abbastanza forte. Un risultato che conferma la consapevolezza negli intervistati del rapporto stretto tra mafia e politica.

Alla domanda se si ritiene che la presenza della mafia possa ostacolare nella costruzione del proprio futuro, la risposta è “si, molto” per il 36,75%. Si può cogliere un senso d’impotenza e rassegnazione che trova la massima espressione nella risposta alla domanda: “A tuo avviso, tra lo Stato e la mafia chi è più forte?”, dove il 48,04% ha risposto la mafia, mentre sono ugualmente forti il 27,24% e solamente il 13,92% dichiara di mostrare maggior fiducia nello Stato.

Ancora più sconfortante è il quadro che emerge dalle risposte alla domanda: “Secondo te, il fenomeno mafioso potrà essere definitivamente sconfitto?”, dove la risposta no prevale sul si’ anche quest’anno in maniera rilevante. In particolare: il 39,57% ha risposto no, il 31,50% si’, il 28,93% non so.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA