Violenza

Maestro aggredito brutalmente dai familiari di un’alunna

CLASSE
11 apr 2015 - 19:52

SIRACUSA - Quante volte si sente dire: “un tempo se gli insegnanti riferivano ai genitori che a scuola i propri figli si comportavano male a casa erano guai!”Oggi i guai invece li passano gli insegnanti che, nel peggiore dei casi, finiscono pure in ospedale.

Questo quanto accaduto oggi a Siracusa nella scuola di via Algeri dove un maestro è stato “pestato a sangue” dai familiari, ben 5, di una sua alunna.

Gli “esagitati”, una volta arrivati nell’edificio, si sono diretti senza curarsi di nessuno verso il cortile dell’istituto e, appena adocchiato l’interessato, hanno cominciato a picchiarlo brutalmente davanti a tutti, persino davanti ai bambini.

Ma non finisce qui! La violenza fisica non è cessata nemmeno dopo l’arrivo degli agenti di polizia che, non solo non sono riusciti a  fermare questa follia, ma sono stati anche attaccati e alla fine hanno dovuto chiamare i soccorsi, mentre il maestro è stato trasportato d’urgenza in ospedale dove è ancora ricoverato per subire un intervento chirurgico a causa delle lesioni riportate dopo la violenta aggressione di gruppo.

La famiglia ha giustificato il gesto dichiarando di aver agito solo in conseguenza del fatto che il maestro avrebbe precedentemente dato uno schiaffo alla bambina. Gesto che la preside dell’istituto, Pinella Giuffrida, ha prontamente smentito dichiarando inoltre che, conoscendo l’insegnante, è impossibile credere che abbia compiuto un’azione del genere.

Purtroppo questa non è l’unica vicenda di violenza da parte di genitori che si è verificata all’interno di questo istituto, vi erano già state infatti delle aggressioni in passato, una nei confronti anche della stessa preside.

La dirigente ha espresso il bisogno di una maggiore fiducia da parte dei genitori i quali devono veramente affidare i propri figli agli insegnanti e alla scuola che rappresenta l’unica speranza di un vero futuro, soprattutto in zone dove non ci sono altre alternative culturali.

Commenti

commenti

Giusi Lo Bianco



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento