Blitz

Lotta ai posteggiatori abusivi nel centro storico di Catania

parcheggiatore-corso
14 ago 2015 - 18:54

CATANIA - Quella dei posteggiatori abusivi è una piaga serissima, al di là dei post scherzosi su Facebook: è la punta dell’iceberg di un problema che vede un pericolosissimo intrecciarsi di micro e macro criminalità siciliana. Non sono “solo” poveri disperati che sbarcano il lunario, dietro ci sono interessi più grossi, personaggi più grossi, e soprattutto il favorire di una mentalità che si deve definire MAFIOSA, di sopraffazione del più “debole”, di considerare la città, le strade e le piazze come “proprie” perché potenti e quindi liberi di stabilire il pizzo che le persone debbano pagare per posteggiare la propria auto, con buona pace di Sostare, del Comune e della Municipale.

Il reato contestato è chiaro ed è quello di estorsione: bisogna avere chiaro in mente che non si tratta di un’elemosina concessa a chi ha bisogno ma in quel momento si diventa vittime di un’estorsione, seppur di pochi euro.

In risposta a tale atavica problematica su direttive del Comando Provinciale,  i Carabinieri della Compagnia di Piazza Dante, con la preziosa collaborazione degli agenti della Polizia Municipale e dei militari del battaglione “Sicilia”, hanno intensificato i servizi dedicati alla delicata materia raggiungendo, solo nella giornata del 13 agosto, i seguenti risultati: Zone controllate Corso Martiri della Libertà, Piazza della Repubblica, Corso Sicilia, Via Sant’Euplio, Piazza Pietro Lupo e Piazza Cutelli. Sono stati identificati una ventina di parcheggiatori abusivi, elevando a loro carico sanzioni per un totale di circa 8.000 euro con conseguente confisca delle somme illecitamente percepite, circa 300 euro. Nel frattempo, l’imponente dispositivo di controllo è servito da deterrente per la micro criminalità particolarmente attiva in questi giorni di ferragosto. 

La Polizia di Stato di Catania, sempre nella giornata di ieri ma in una diversa operazione di controllo del centro storico, ha arrestato MIRINIOUY Youssef, marocchino di 28 anni, per tentata estorsione. L’uomo, che esercitava abusivamente l’attività di guardamacchine in piazza San Placido, nelle prime ore della sera, al rifiuto di un automobilista di pagare 2 euro per il parcheggio ha iniziato a inveirgli contro, colpendo il vetro ripetutamente e arrivando a  minacciarlo di morte. Dagli accertamenti è emerso tra l’altro che a carico del marocchino pende un provvedimento di espulsione. Il P.M. di turno ha disposto che l’arrestato sia associato nella locale casa circondariale di Piazza Lanza.

Commenti

commenti

Viviana Mannoia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento