Protesta

Liquigas, sciopero riuscito a Catania. La vertenza si sposta a Roma

2 feb 2017 - 17:01

CATANIA – I ventuno lavoratori della Liquigas, azienda della Zona industriale leader nella produzione di gas Gpl, hanno protestato davanti ai cancelli della sede dell’ impresa.

Lo sciopero di otto ore è riuscito e adesso i lavoratori permangono in stato di agitazione. Prova ne è il fatto che il 14 febbraio il ‘tavolo’ della vertenza sarà spostato a Roma dove si terrà un confronto tra le sigle sindacali di categoria nazionale e l’azienda che oggi ha confermato l’incontro territoriale con i sindacati già fissato per il 7 febbraio“, commentano Peppe D’Aquila e Giovanni Romeo, segretari di Filctem Cgil, Giuseppe Coco, segretario di Femca Cisl e Alfio Avellino, di Uiltec Uil. 

Nei giorni scorsi la Liquigas ha comunicato la volontà di affittare l’attività alla Gargano gas, realtà imprenditoriale di dimensioni molto più contenute che ha già previsto un esubero di tre persone. La scelta viene interpretata dai sindacati “come un vero e proprio abbandono del territorio, una smobilitazione da parte di una multinazionale che guarda da un’altra parte abbandonando un processo industriale che per anni è stato l’eccellenza nel settore gpl a Catania“.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA