Sciopero

Lavoratori antincendio: manifestazione a Catania per 170 licenziamenti

forestali siciliani cgil
7 set 2015 - 19:37

CATANIA - “Lo stato di incertezza e di confusione che attraversa il settore forestale non solo lede fortemente i diritti dei lavoratori del comparto ma mette a rischio il nostro immenso patrimonio boschivo”.

Sono queste le parole espresse dai rappresentanti di Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil: tre sindacati un unico grido volto a far puntare i riflettori sull’ormai disastrosa situazione nella quale vertono i lavoratori antincendio.

Sono infatti 170 i licenziamenti, gli ultimi del settore qui a Catania, che corrispondono al 20% della forza lavoro specializzata. Davvero allarmante appare, inoltre, la situazione non soltanto per i dipendenti della provincia etnea, ma anche per i siracusani, per cui sono previsti 120 licenziamenti mentre saranno 50 i ragusani a perdere il proprio posto di lavoro. 

A ciò c’è da aggiungere che i lavoratori attendono ancora di riscuotere il proprio stipendio da giugno. È per questa ragione che la città “do’ liotru” ospiterà uno sciopero generale della categoria con una manifestazione indetta appunto da Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil Sicilia: l’appuntamento è alle ore 10 di giovedì prossimo \0 settembre sotto i locali dell’ex Esa.

In questa occasione i manifestanti chiederanno provvedimenti immediati e urgenti per la ripresa e la prosecuzione di tutte le attività lavorative in tutto il territorio regionale e una politica ambientale e di tutela del territorio in tempi brevi. Sarà anche chiesto un incontro con le istituzioni.

L’allarme rosso diventa sempre più acceso se si pensa a quanto dichiarato unanimemente dalle tre sigle sindacali: “Questa condizione non è più accettabile a maggior ragione dopo le notizie ricevute da parte dell’Azienda Forestale in quanto la mancanza di risorse finanziarie non permetterebbe all’Azienda, appunto, di riassumere o prolungare l’attività lavorativa così come invece era stato più volte assicurato da parte degli uffici e dagli assessorati dei 101isti, ma soprattutto non vi è alcuna prospettiva per i 78isti”.

Proprio perché ad oggi sembrano non essere ancora stati registrati atti concreti che lascino presagire una soluzione delle problematiche del settore, i sindacati dicono di puntare ad una riforma, tanto vituperata, per il rinnovo del CIRL “e per il rispetto del CCNL che sta registrando il moltiplicarsi dell’attivazione di cause di lavoro”.

Commenti

commenti

Vittoria Marletta



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento