Iniziativa

“Itinerari Ecogastronomici” e Slow Food, un tour alla scoperta delle eccellenze siciliane

Slow food
29 feb 2016 - 12:58

CATANIA - Tre itinerari per tre territori siciliani diversi.

Si tratta degli “Itinerari Ecogastronomici” che abbracceranno la Val di Noto, la Val di Mazara, il Valdemone e i comuni che rientrano nelle rispettive zone di interesse.

Dall’itinerario del “barocco” che comprende i territori di Noto, Catania, Siracusa, Modica, Ragusa Ibla e Caltagiorne a quello della “conca d’oro” che abbraccia Palermo, Alcamo, Marsala, Castelvetrano e Sciacca, passando per quello dei parchi alle pendici dell’Etna che interessa Taormina, Bronte, Capo d’Orlando, S. Stefano di Camastra e Castelbuono.

Un tour alla riscoperta di prodotti autoctoni d’eccellenza che caratterizzano la produzione agricola siciliana, la sua economia e, perché no, anche il turismo, in un quadro di sostenibilità, rispetto dei cicli biologici e delle stagionalità dei vari prodotti.

 

“Presentiamo oggi un percorso d’eccellenza all’interno della Dmo enogastronomica, che vogliamo curare e rafforzare sempre con maggiore impegno nella provincia di catania – ha commentato l’assessore regionale al Turismo Anthony Barbagallo -. Abbiamo già presentato il treno dei vini dell’Etna, l’itinerario dei castelli e oggi presentiamo un altro interessantissimo ventaglio di itinerari che interessano i presidi slow food del nostro territorio. La sicilia è stata scelta, peraltro come Regione capofila nella Dmo enogastronomica di tutto il Mezzogiorno, circostanza che ci rende orgogliosi e che ci carica anche di una grande responsabilità. Tutto ciò si inserisce – conclude Barbagallo -, in quadro più ampio che vede la dieta mediterranea inserirsi tra i beni immateriali del patrimonio Unesco, che rappresenta un ulteriore punto di forza per la Sicilia”.

Marco Bua



© RIPRODUZIONE RISERVATA