Aggressione

Inseguimento a Ballarò: gli spara un colpo alla testa ma non lo uccide. Fermato pluripregiudicato

polizia
4 apr 2016 - 09:32

PALERMO - È durato poche ore il giallo di via Fiume, a Palermo. Fermato il pluripregiudicato Emanuele Rubino, di 28 anni, proprio con l’accusa di tentato omicidio.

Il ragazzo, sabato pomeriggio, ha tentato di uccidere Yusupha Susso, 21 anni, originario del Gambia. Al centro dell’aggressione ci sarebbe una lite per futili motivi fra tre ragazzi del Gambia e alcuni giovani del quartiere palermitano.

Proprio Rubino ha inseguito ed esploso un colpo di pistola verso Susso, ferendolo alla testa. Il proiettile, di piccolo calibro, è entrato ed uscito dal capo della vittima senza ucciderlo.

Lo straniero, ricoverato d’urgenza, si trova ancora in coma farmacologico e la prognosi resta riservata. Le indagini della Squadra Mobile, coordinata dal dirigente Rodolfo Ruperti, hanno consentito di svelare uno spaccato sociale fatto di prepotenza e sopraffazione in cui una persona rischia di perdere la vita solo per aver osato reagire ad angherie e a una vera e propria aggressione da parte del “branco”.

Ma ricostruiamo brevemente: sabato pomeriggio la vittima, in compagnia di due connazionali, si trova nel quartiere Ballarò. Mentre i tre stanno percorrendo uno dei vicoli della zona, vengono urtati da un giovane a bordo di uno scooter e chiedono semplicemente all’investitore di fare maggiore attenzione. Da qui nasce il violento litigio.

Il ragazzo che ha tentato di investirli, raggiunge via Maqueda, posiziona il mezzo in modo da ostruire la strada e affronta i tre giovani. Nel giro di pochi minuti, diverse persone della zona fanno “gruppo” e circondano i malcapitati.

I toni si accendono sempre di più e uno dei ragazzi viene colpito: è Susso che però reagisce energicamente.

Ad osservare tutta la situazione c’è Rubino che punta Susso e lo insegue per via Fiume sparandogli un colpo di pistola alla testa.

La polizia ha avviato subito le indagini e una volta identificato Rubino è stato fermato ed è in regime di isolamento nel carcere Pagliarelli.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA