Denuncia

Infarto diagnosticato in ritardo, muore un uomo di 47 anni. Aperta un’inchiesta

intervento chirurgico
19 mag 2016 - 11:33

ACIREALE - Sembrerebbe un episodio macchiato dall’alone della “malasanità”.

All’ospedale di Acireale muore sotto i ferri, Antonio Gulisano. L’uomo di 47 anni è stato colto da un infarto proprio mentre si trovava in sala operatoria e per lui non ci sarebbe stato nulla fare.

I familiari hanno sporto denuncia al commissariato della cittadina etnea e chiedono che venga aperta un’inchiesta per far luce sull’operato dei sanitari impegnati nell’intervento. 

Secondo il fratello della vittima, l’operato dei medici sarebbe stato superficiale e tutt’altro che tempestivo. All’uomo, stando alla versione dei familiari, non sarebbe stato diagnosticato l’infarto con puntualità. 

I parenti sostengono, inoltre, che il paziente sarebbe stato trattenuto due ore prima di essere sottoposto ad un elettrocardiogramma.

La polizia ha già avviato la procedura per l’apertura di una inchiesta.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA