Dolore

Incidente a Santa Venerina, oggi l’ultimo saluto ad Ambra Pulvirenti. Ancora gravi le condizioni dei genitori

Fonte immagine: MeridioNews e GazzettinoOnline
Fonte immagine: MeridioNews e GazzettinoOnline
11 set 2017 - 14:01

MASCALI - Soltanto 18 anni e una vita ancora davanti da vivere in pieno e invece, per Ambra Pulvirenti, studentessa dell’Istituto Commerciale di Riposto, la corsa lungo il treno chiamato “vita” è finita: si è spenta due giorni fa, il 9 settembre, dopo tre lunghi giorni di agonia all’ospedale Vittorio Emanuele di Catania.

La corsa al nosocomio Catanese è avvenuta la notte di mercoledì scorso quando, in via Stabilimenti, nella strada che collega il Comune di Santa Venerina a Giarre, due auto si sono scontrate con un bilancio di sette feriti: tra loro anche la 18enne. 

La dinamica di quanto accaduto è ancora da accertare: erano circa le due di notte quando una Volkswagen Fox e una Bmw serie 3 coupè si sono scontrate frontalmente provocando un impatto devastante. 

L’intervento immediato dei carabinieri della Compagnia di Giarre – le cui indagini sono tutt’ora al vaglio degli inquirenti -, l’arrivo dei sanitari del 118 e il tempestivo ausilio dei vigili del fuoco di Riposto che hanno dovuto estrarre i corpi di alcuni coinvolti rimasti incastrati tra le lamiere, nell’abitacolo delle loro auto: sono stati questi gli attimi fatali di quella notte terribile.

I feriti, in totale sette, vengono smistati in vari ospedali della provincia: Ambra viene trasportata d’urgenza al Vittorio Emanuele dove, a causa delle gravi lesioni interne, viene sottoposta a due delicati interventi chirurgici. Nonostante l’immediato soccorso dei medici che, già da subito avevano valutato come gravissimo il quadro clinico della 18enne, per la vittima non c’è stato nulla da fare. Il suo cuore ha cessato di battere alle prime luci dell’alba di sabato scorso. 

Il corpo, in queste ore, è stato tenuto nella camera mortuaria dell’ospedale a disposizione del magistrato che ne ha effettuato l’autopsia. Oggi, alle ore 16,30, nella chiesa di San Leonardo Abate a Mascali, città dove risiedeva, si terranno i funerali. 

Purtroppo, al dolore della perdita di Ambra Pulvirenti si aggiunge un ennesimo dramma: nell’auto in cui viaggiava la ragazza vi erano anche i suoi genitori. Sono proprio quest’ultimi le due vittime che, da quella terribile notte, si trovano ricoverati all’ospedale Cannizzaro di Catania. La madre, 49enne, che si trova nel reparto di ortopedia, ha riportato la frattura di entrambi gli arti inferiori ma, fortunatamente, non verte in pericolo di vita. Il padre, invece, 48enne di Riposto, è ricoverato nel reparto di rianimazione, con prognosi riservata, a causa di lesioni interne. Nonostante tutto, i familiari, pregano e sperano per la loro salvezza. 

L’ultimo saluto ad Ambra, oggi pomeriggio, verrà dato senza i loro genitori che sono ancora ricoverati.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA