Inaugurazione

Elisoccorso a Pedara: “Occasione dal punto di vista sanitario e turistico”

Elisoccorso
18 lug 2016 - 17:09

PEDARA - È stata inaugurata sabato pomeriggio la piattaforma per l’elisoccorso a Pedara, su viale dello Sport dove adesso sventola la manica del vento e dove, non appena saranno espletate le procedure per l’affidamento, potranno atterrare e decollare i velivoli in emergenza.

Un anno di lavori, a cura dell’impresa Azimut di Milo, per la realizzazione del piazzale la cui superficie è di 625 mq, quattrocentomila euro il costo dell’opera: fondi europei arrivati alla Regione attraverso gli uffici del Dipartimento di Protezione Civile.

La struttura, dotata anche di un potente gruppo elettrogeno che si attiva in caso di blackout, si innesta nel circuito delle elisuperfici della Sicilia che adesso sono una quarantina sparse in aree strategiche. La piattaforma pedarese sorge a fianco del poliambulatorio, da dove è possibile giungere alle zone etnee in pochissimo tempo e potrebbe rappresentare al contempo un’opportunità di sviluppo per il territorio.

Al taglio del nastro erano presenti l’assessore regionale al Turismo Anthony Barbagallo, che tre anni fa da primo cittadino di Pedara avviò l’iter, il sindaco Antonio Fallica, il vicesindaco Francesco Laudani, gli assessori Marina Consoli e Salvatore Torrisi, il presidente del consiglio comunale Mario Laudani, e i dirigenti dell’ufficio tecnico: “Un’occasione importante per Pedara – ha dichiarato Fallica – il nostro obiettivo è quello di far si che oltre alla valenza sanitaria che avrà, l’elisuperficie possa creare sviluppo: prevediamo infatti di affidarne la gestione a chi possa ottimizzarla anche per accogliere flussi turistici”.

“Il merito va alla collettività ai tecnici di allora e all’amministrazione comunale che ha espletato adesso tutte le procedure in tempi brevi – ha aggiunto Barbagallo – credo che la scommessa sia ora quella della messa in esercizio per mettere in relazione questa elisuperficie con quelle dell’isola”.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA