Sindacati

I pensionati scendono in piazza: sit in contro la legge Fornero

Pensionati_CGIL-CISL-UIL_8-6-15
8 giu 2015 - 19:54

CATANIA - Si è conclusa poche ore fa la conferenza stampa attraverso la quale i pensionati regolarmente iscritti ai sindacati CISL, UIL, SPI, CGIL ed FNP hanno chiesto al governo Renzi di modificare la legge Fornero. In particolare si è domandato all’attuale premier di evitare di cadere negli stessi errori addebitati tempo addietro a Mario Monti, resosi responsabile del blocco delle perequazioni delle pensioni. La richiesta verrà ribadita con maggior vigore nel corso della mattinata del 12 giugno, data scelta dai sindacalisti per dar vita davanti alla Prefettura di Catania ad un sit in di protesta.

Pensionati_CGIL-CISL-UIL_8-6-15A

Tale decisione è stata motivata dalla consapevolezza che la sentenza 70/2015 di recente emessa dalla Corte Costituzionale, ha dichiarato ufficialmente illegale il blocco delle perequazioni delle pensioni. Sebbene il governo Renzi abbia mostrato qualche timido segnale di apertura a tal riguardo, i rappresentanti dei pensionati presenti alla conferenza stampa di oggi hanno affermato che il premier “ha deciso di dare attuazione alla sentenza della Corte Costituzionale con l’emanazione del decreto Legge 65/2015, senza alcun confronto col sindacato, restituendo solo una parte di quanto dovuto e solo a una parte dei pensionati generando confusione e acuendo gli effetti del blocco dell’indicizzazione del biennio 2012-2013 che continueranno a ripercuotersi negativamente sugli importi futuri“.

Per questo motivo i sindacalisti ed i loro assistiti chiedono che venga presto aperto un tavolo di confronto nazionale, grazie al quale rivedere in toto la legge Fornero ed evitare così che l’attuale situazione sociale ed economica della Sicilia, ed in particolare di Catania, possa tradursi in una serie infinita di errori e discriminazioni o peggio, in scontro generazionale

Commenti

commenti

Valentina Idonea



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento