Solidarietà

I nonnini di San Giovanni La Punta adottano anche per quest’anno due bambini etiopi

nonni centro anziani sglp
28 gen 2015 - 12:13

SAN GIOVANNI LA PUNTA - Il sorriso di due bambini etiopi risplenderà ancora una volta perché anche per quest’anno non saranno soli, abbandonati nella miseria.

Vi state chiedendo perché? Ve lo diciamo noi: i nonni puntesi del Centro culturale “Orazio Spoto” di via della Regione 144, insieme al sindaco Andrea Messina e all’amministrazione comunale, hanno deciso di adottarli a distanza anche per il quinto anno.

I loro nomi sono Bedasa Abdukerim di sette anni, del villaggio di Bulbula e  Johannes Tesfay di dieci anni del villaggio Makale. Due tra le tante vite che la fame e la guerra avrebbero sconvolto se qualcuno non avesse pensato al loro sostentamento. E per fortuna in questo caso sono entrati in azione i nonni.

“È un appuntamento che rinnoviamo da cinque anni - afferma il sindaco Andrea Messina -. Grazie alla generosità dei nonnini puntesi e alla partecipazione dell’amministrazione comunale concretizziamo questa lodevole iniziativa finalizzata a migliorare la vita dei due bambini meno fortunati”.

Il consigliere Alfio Caccamo, con delega al Centro culturale e promotore dell’iniziativa spiega che “Per tutto il 2015 i due piccoli avranno garantite tutte le spese necessarie per vivere e studiare nei loro villaggi. I nonnini sin da subito hanno accolto con entusiasmo di aderire al progetto di adozione a distanza. Con soli 360 euro annuali è infatti possibile attenuare e combattere la precarietà della vita di due bambini, garantendogli i pasti giornalieri, l’assistenza medica indispensabile e l’istruzione scolastica primaria nei propri villaggi”.

I nonni adottivi sono sempre in contatto con i due bimbi, attraverso una corrispondenza epistolare. I ragazzini scrivono quelle lettere di proprio pugno e aggiornano costantemente chi si sta prendendo cura di loro sui progressi scolastici e sulle condizioni di salute e di vita.

Un grande gesto fatto da una piccola comunità che dovrebbe svegliare il cuore di molti.

Commenti

commenti

Daniela Torrisi



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento