Traffico

I “lavavetri”, schegge impazzite ad ogni semaforo. IL VIDEO

Lavavetri
17 feb 2016 - 12:09

CATANIA - Sono ovunque. Sono sempre più insistenti e non c’è semaforo (salvo qualche rara eccezione) che non venga presidiato. 

Parliamo dei “lavavetri”.

 

Il traffico è in “tilt”, siete in ritardo, avete mille pensieri che vi ronzano in testa e non avete idea di come farete ad arrivare puntuali a quell’appuntamento.

Lo stress vi assale mentre cercate di non “bruciare” la frizione facendo continuamente “prima e seconda” con il suono dei clacson che vi entra direttamente nelle orecchie senza chiedere permesso.

A confortarvi, soltanto la luce verde del semaforo che vi attende qualche decina di metri più avanti. Potete farcela.

A venti metri dall’incrocio il verde si trasforma in giallo e l’ansia comincia nuovamente a riprendere terreno.

Rosso.

Ok prendetelo come un momento per rilassarvi un po’.

“Rilassarmi? Come faccio a rilassarmi se vengo letteralmente assediato da 5/6 lavavetri che con estrema insistenza mi si fiondano addosso per un servizio non richiesto e spesso neanche gradito?”

“Va bene dai, che sarà mai una ‘lavatina’ al parabrezza?”

Verde.

Siete ancora sottoposti all’accurato lavaggio a mano del servizievole amichetto.

Giallo. Ha quasi finito.

Rosso. Finito.

Vi conviene avvisare che non arriverete in tempo.

Una domanda, però, vi sorge spontanea: come è possibile che una situazione del genere, nota e “stranota” a tutti i catanesi, non abbia mai trovato l’attenzione che merita? Perché si fa finta di non vedere il problema?

Ma poi pensate: “Siamo a Catania, la solita città fuori controllo”.

Marco Bua



© RIPRODUZIONE RISERVATA