Iniziativa

Gravina, Consulta Giovanile e Comitato 10 Febbraio ricordano vittime delle Foibe

2d21dfe8-0081-4987-a30f-1552ba764136
8 feb 2016 - 19:04

GRAVINA DI CATANIA - Domani mattina, alle ore 11:00, in memoria delle vittime delle Foibe, i ragazzi della Consulta giovanile del Comune di Gravina di Catania assieme ai ragazzi del Comitato 10 Febbraio, delegazione provinciale di Catania, organizzeranno un momento di raccolta presso il monumento dei Caduti della Seconda guerra mondiale sito nel comune di Gravina di Catania.

È il secondo anno che organizziamo nel comune di Gravina di Catania un momento per ricordare le vittime di una tragedia, come quella delle Foibe, che per troppi anni è stata tenuta nascosta e dimenticata”, afferma il presidente della Consulta Paolo Kory. “Con le nostre manifestazioni vogliamo dare anche noi il nostro piccolo contributo ed affermare chiaramente che anche Gravina ricorda e non rimane indifferente a tali tragici eventi. La manifestazione di giorno 9 Febbraio sarà preceduta da un momento di interventi con i quali brevemente saranno illustrati i punti salienti di questa tragedia tutta italiana; seguita da una deposizione di un omaggio floreale al monumento e conclusa da un minuto di silenzio in onore delle vittime”.

Abbiamo accolto con grande gioia l’appello dei ragazzi della Consulta Giovanile e voluto partecipare, per il secondo anno a Gravina, ad un momento per noi particolarmente sentito come quello delle Foibe” dichiara Antonio Scollo coordinatore provinciale del Comitato 10 Febbraio. “Ogni anno infatti portiamo, anche attraverso testimonianze dirette, tali eventi nelle scuole e nelle università organizzando conferenze e momenti di questo genere. Concluderemo, come ogni anno, tali manifestazioni giorno 10 Febbraio per la ormai nota fiaccolata che partirà intorno alle ore 18:30 dalla Villa Bellini di Catania e finirà in piazza Università dinanzi al monumento dei Caduti”.

Infine interviene il consigliere della Consulta Giovani del Comune di Gravina Fabrizio Lo Giudice, il quale aggiunge che “è un onore per noi gravinesi partecipare ed organizzare un evento di tale portata. Spero che con queste manifestazioni si dia un contributo alla memoria di eventi che per troppo tempo sono stati taciuti e tenuti nascosti. Un particolare ringraziamento lo voglio rivolgere ai ragazzi del Comitato spontaneo 10 Febbraio che anche per quest’anno non ci hanno fatto mancare il loro appoggio”.

Giuseppe Macchi



© RIPRODUZIONE RISERVATA