Sanità

Glicemia: non serve più pungersi. Arriva il sensore anche per i bambini

diabete. FREESTYLE LIBRE
11 feb 2016 - 18:39

RAGUSA – Per misurare la glicemia non serve più pungersi: basterà un sensore che si applica nella parte posteriore del braccio. È questa la novità che ha colto di stucco l’associazione italiana assistenza ai diabetici di Ragusa, Aiad.

Parliamo di un vero e proprio nuovo sistema di monitoraggio per la misurazione della glicemia nei bambini e nei ragazzi. Si tratta di un device – “FreeStyle Libre”-, per il sistema di monitoraggio flash del glucosio ora indicato sia per i bambini, sia per i ragazzi dai 4 ai 17 anni con diabete.

Il sensore, delle dimensioni di una moneta da due euro, elimina la necessità delle periodiche punture sul dito ed è progettato per rimanere applicato al corpo fino a 14 giorni.

Con questo nuovo sistema di monitoraggio si è in grado di rilevare i valori anche al di sopra dei vestiti, con conseguente miglioramento in termini di qualità di vita – dichiara il professor Dario Iafusco, Ricercatore Confermato del Centro Regionale di Diabetologia della Seconda Università degli Studi di Napoli, in occasione della 9° Conferenza Internazionale sulle tecnologie avanzate e trattamenti per il Diabete - consentendo la lettura dei valori attuali del glucosio e anche lo storico delle ultime 8 ore con un’indicazione di trend”.

Un investimento sul futuro che migliorerà senz’altro le condizioni di vita dei pazienti se si pensa che nel 2030 in Italia le persone diagnosticate con diabete saranno circa 5 milioni. 

 

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA