Udienza

Gioielliere uccise due rapinatori: chiesto rinvio a giudizio

gun-166507_960_720
28 ott 2016 - 10:37

CATANIA – Aveva sparato ai suoi rapinatori colpendoli a morte nel 2008, ma l’iter giudiziario per lui non si è ancora concluso. Anni lunghi di attese ed accuse, ed oggi è arrivato un altro colpo di scena.

La procura di Catania, infatti, ha chiesto il rinvio a giudizio per duplice omicidio e tentativo di omicidio del gioielliere di Nicolosi, Guido Gianni di 57 anni, che il 18 febbraio 2008 uccise due rapinatori e nel frattempo ferì un terzo uomo che tentava di assalire il suo negozio e minacciava la moglie con una pistola a salve.

Sembra che in un primo momento li avrebbe feriti e solo successivamente, mentre fuggivano, avrebbe inflitto dei colpi mortali, colpendoli alle spalle. 

È quanto risulta dalla ricostruzione dei periti medico legale e balistici.

Nell’udienza davanti al Gip, Fabio Di Giacomo Barbagallo, i familiari delle due vittime e il ferito, entrati nell’inchiesta come parti lese, si sono costituiti parte civile.

Inoltre, il Gip ha concesso che la richiesta del legale del gioiellerie di perizia psichiatrica sull’imputato per decidere se al momento della colluttazione effettivamente fosse stato in grado di intendere e di volere o se avesse avuto la mente offuscata dall’aggressione alla moglie.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA