Sicurezza

Giarre coperta dalla cenere vulcanica: il sindaco vieta l’uso di mezzi a due ruote

etna
4 dic 2015 - 18:25

GIARRE - A seguito della notevole ricaduta di sabbia vulcanica che ha interessato dalla mattinata odierna il territorio giarrese, legata all’incremento dell’attività eruttiva dell’Etna, l’amministrazione comunale ha disposto il divieto di circolazione per cicli, ciclomotori e motocicli ed il limite di velocità di 30 km/h per le rimanenti categorie di veicoli fino a cessazione dei fenomeni ed al completamento della pulizia delle sedi stradali.

Il sindaco di Giarre, Roberto Bonaccorsi, che segue l’evolversi della situazione in costante raccordo con la Protezione civile comunale, ha formalmente richiesto l’intervento del Dipartimento regionale della Protezione civile al fine di superare l’emergenza e procedere a pulizia e raccolta del materiale vulcanico che si è depositato su strade ed edifici del territorio comunale.

«Abbiamo chiesto il supporto della Protezione civile, che già durante le scorse emergenze legate al vulcano ha sostenuto la nostra comunità in maniera preziosa e fattiva, poiché la situazione finanziaria del nostro ente non ci consente di poter sostenere quelle spese che gli eventi odierni rendono necessarie – ha dichiarato il sindaco -. Il Comune di Giarre ribadisce, inoltre, la propria disponibilità a riaprire il confronto sull’individuazione di soluzioni unitarie per tutto il territorio etneo al problema della gestione dell’emergenza cenere vulcanica».

Raccomanda prudenza sulle strade anche il primo cittadino di Riposto Enzo Caragliano che, nonostante la non eccessiva quantità di sabbia vulcanica riversatasi sul territorio invita la cittadinanza a usare con prudenza i mezzi ed in particolare quelli a due ruote.

Commenti

commenti

Santi Liggieri



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento