Droga

Giardini Naxos, la Finanza sequestra cocaina per 160mila euro

20 ott 2014 - 14:12

GIARDINI NAXOS - I finanzieri del comando provinciale di Catania hanno svolto un importante servizio a contrasto del traffico di sostanze stupefacenti, individuando e sequestrando, nella tarda serata di ieri, nei pressi del casello autostradale di Giardini Naxos, oltre 440 grammi di cocaina.

I militari della compagnia di Riposto stavano effettuando controlli stradali lungo la direttrice Riposto-Giardini Naxos, quando, fermata una Alfa Romeo di colore amaranto, sono stati insospettiti dal comportamento degli occupanti del mezzo.

I due soggetti, un uomo e una donna, lui di origine italiana, ma residente da anni in Svizzera, mentre lei di origine brasiliana, si sono mostrati sin da subito visibilmente nervosi e, alle specifiche richieste sulla loro destinazione e sul motivo del viaggio, hanno fornito ai militari indicazioni assai confuse e contraddittorie.

Compreso che i due potessero avere qualche cosa da nascondere, i finanzieri si sono risolti nello svolgere i necessari approfondimenti, sia sulle persone che sull’automezzo, anche con l’ausilio di un’unità cinofila.

Così, dall’accurata perquisizione personale dell’uomo veniva rinvenuto, occultato all’interno del proprio giubbotto, un panetto avvolto in cellophane trasparente.

I primi accertamenti svolti sulla sostanza sequestrata, pari a 430 grammi, ha consentito di appurare che si trattasse di pietra di cocaina purissima in cristalli, mentre sulla persona, occultati all’interno degli slip, è stata rinvenuta una bustina contenente altri 10 grammi di cocaina pronta per essere ceduta.

L’uomo è stato tratto in arresto e associato al carcere di Messina a disposizione della locale A.G., mentre la donna è risultata completamente estranea ai fatti.

Dallo stupefacente sequestrato, dopo il processo di raffinazione e taglio, si sarebbero ottenuti circa due chilogrammi di cocaina, che immessi sul mercato catanese avrebbero fruttato, al dettaglio, oltre centosessantamila euro.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento