Lavoro

Gela, ritardi per la mobilità: operai preoccupati

INPS
11 gen 2015 - 18:29

GELA - Il periodo di crisi continua a preoccupare i lavoratori dell’ENI, dell’ex Implaca e dell’ex Comeco. Infatti, si stanno riscontrando dei ritardi nell’elargizione dei 900 euro garantiti dalle casse dell’INPS, unica somma di denaro utile per poter riuscire a sopravvivere.

Come previsto dalla legge, l’importo deve essere emesso entro ogni giorno 9 del mese, ma, al momento, sembrano esserci dei problemi nella procedura. Inoltre, dopo l’invio del denaro tramite bonifico, occorrono altri 7 giorni circa per poter avere interamente la somma a disposizione. Ecco perché molti dei lavoratori sono preoccupati per la situazione, dato che quei 900 euro sono l’unica fonte di sopravvivenza.

Non è da escludere, però, che gli attuali ritardi siano dovuti alla mancanza di operatori INPS. Non resta che aspettare e conoscere meglio l’evolversi della situazione.

Commenti

commenti

Andrea Lo Giudice



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati

Lascia un Commento