Blitz

Gela: maxi-traffico di reperti archeologici, sequestrate oltre 400 monete. Dodici arresti

scavi archeologici
15 mar 2016 - 09:47

GELA - Una banda dedita al traffico di reperti archeologici è stata sgominata dalla Guardia di Finanza di Gela. Sono 27 le persone indagate dalla Procura di Gela. Sono state eseguite 12 ordinanze di custodia cautelare emesse dal Gip del Tribunale di Gela su richiesta della Procura.

L’accusa è di associazione per delinquere finalizzata al traffico di reperti archeologici. Sono stati identificati i tombaroli che in diverse aree archeologiche (Kamarina ed altre), hanno rubato importanti materiali di interesse archeologico poi venduti sul mercato clandestino.

Scoperta una rete di gruppi operanti in diversi territori (Paternò, Vittoria, zone del casertano), con cui i gelesi interagivano e sviluppavano affari. Le indagini hanno anche permesso di sequestrare materiale archeologico, in particolare, oltre 400 monete, la maggior parte delle quali risalente ad epoca tra il V e il II sec. a.C. nonché varie apparecchiature – metal detector – utilizzate per le ricerche clandestine.

Le misure cautelari interessano dodici persone, tra Gela e dintorni. Per sei indagati è stata disposta la custodia in carcere, per altri sei gli arresti domiciliari.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA